LECCENEIMARSISHOCK

(LECCE SVEGLIATI !)

 

08.08.2013

MUTUO DI € 150.000,00

 

FORSE CON UNA BUONA AMMINISTRAZIONE SE NE POTEVA FARE A MENO

 

Ecco perchè LECCENEIMARSI.ORG insiste per far partecipare

attivamente i CITTADINI alla vita amministrativa ed esercitare il

controllo con l’atteggiamento costruttivo.

ll contributo che il cittadino del nostro piccolo paese può dare al governo locale, non è soltanto il farsi carico del finanziamento dei servizi, attraverso il pagamento dei tributi, ma è comprenderne il ruolo e gli obiettivi.

 

Per molti anni nessuno si è preoccupato seriamente delle spese nell'illusione che in qualche modo i problemi si sarebbero risolti da soli.

Oggi dobbiamo cambiare passo e bisogna fare tutto quello che si può fare soltanto se le finanze del comune lo permetteranno

È molto difficile chiarire tutte queste probllematiche, in quanto sono

di abitudine lasciate ai tecnici e si dà per scontato che il risultato

debba essere matematico;

 

Invece,in realtà, il risultato è la diretta conseguenza di ogni singola

azione compiuta all’interno dell'Amministrazione da ogni singolo

responsabile.

 

Lo Stato ha le sue difficoltà e riduce i trasferimenti agli enti locali.

Quindi l'obiettivo primario dell'Amministrazione Comunale è quello

di mettere in sicurezza i conti, per non dover più gestire le attuali

criticità finanziarie.

 

Forse Vi chiederete e come ??

 

Semplicemente incassando i crediti.

 

Il comune di Lecce nei Marsi attualmente deve incassare i seguenti crediti :

 

  • RECUPERO EVASIONE ICI             €  123.580,00

  • RECUPERO TARSU                       €  228.941,00

  • CAM                                          €    60.000,00

  • VILLA GAIA                                €   115.000,00

  • PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO    €     10.000,00

                                                           _________

       TOTALE CREDITI                           € 537.521,00

 

Lecce nei Marsi è un piccolo paese e non è una grande città.

 

NON VI SEMBRANO SPROPORZIONATI ?

 

I crediti del nostro comune sono aumentati in modo sensibile da diversi anni.

 

  • Come è stato possibile arrivare a tale risultato?

  • Vi siete mai chiesti il perché del mancato incasso?

  • Quali provvedimenti hanno preso le precedenti Amministrazioni e quali intende prendere l'Amministrazione Comunale attuale per recuperare questi soldi?

  • Considerato, che sono passati molti anni, ci chiediamo quanto di questo credito sia effettivamente esigibile ?

 

 

Se consideriamo anche l'esistenza di almeno 110 mila euro di crediti più recenti non ancora incassati , dobbiamo rilevare che deve essere posta maggiore attenzione per portare a casa i soldi che spettano al Comune.

 

Questo per evitare interessi passivi sui mutui, ritardi nei pagamenti verso i nostri fornitori e di diffondere la convinzione che non pagare le tasse a Lecce nei Marsi non comporti rischi particolari.

 

Arriviamo al punto dolente :

 

l' Amministrazione comunale attuale per pagare i debiti ha scelto la soluzione più semplice : HA CHIESTO UN MUTUO DI € 150.000,00

 

Non è ammissibile una decisione di questo tipo anche perchè il mutuo è servito e servirà a pagare maggior parte di spese correnti e non a fare investimenti.

Vedi l'elenco clicca qui

 

http://wWw.gymservice.it/comune_lecce/pagamenti35_2013.pdf

 

Una decisione del genere sarebbe stata elogiata da tutti i cittadini se il mutuo richiesto fosse servito per un investimento importante che avrebbe contribuito allo sviluppo del paese .

 

WWW.LECCENEIMARSI.ORG

 

 

 

 

 

LECCENEIMARSISHOCK

(LECCE SVEGLIATI !)

 

01.06.2013

LECCE NEI MARSI : APATIA E INDIFFERENZA          

Il nostro paese ha bisogno di cittadini attivi e non sa che farsene dei cittadini passivi, apatici e indifferenti.

 

La Democrazia ha bisogno, più di qualunque altra forma di Governo, di cittadini attivi. Non sa che farsene di cittadini passivi, apatici, indifferenti, che si occupano soltanto dei propri affari e delegano agli altri il compito di occuparsi degli affari comuni. La democrazia vive e prospera solo se i suoi cittadini hanno a cuore le sorti della propria città come quella della propria casa, che

della città è soltanto una parte” Norberto Bobbio (da Elementi di Politica)

 

 

LECCESHOCK mira a far crescere all’interno della cittadinanza, specie tra i più giovani, uno spirito di partecipazione attiva .

 

La partecipazione attiva dei giovani alle decisioni e alle attività a livello comunale è essenziale se si vuole ricostruire il nostro paese socialmente e culturalmente .

Partecipare alla vita di una comunità, non significa soltanto andare a votare o presentarsi alle elezioni, per quanto importanti siano tali elementi. Partecipare ed essere un cittadino attivo, vuol dire intervenire nelle decisioni, influenzarle ed impegnarsi in attività ed iniziative che possano contribuire alla costruzione di una società migliore.

Essere dei cittadini passivi è certamente molto facile: delegare , stare a vedere e criticare sempre tutte le decisioni prese dagli altri.

Questo atteggiamento non ci porta da nessuna parte e non fa altro che aggravare una situazione già compromessa.

Una tale attitudine mentale non fa altro che accrescere l’apatia ed il rancore: energie negative che non possono far ripartire il motore del nostro paese.

E' necessario rimboccarci le maniche e dedicarsi ciascuno al proprio dovere di cittadino, compiendolo al meglio.

Se la situazione generale non ci soddisfa, forse non potremo modificarla completamente, ma possiamo fare molto per far funzionare bene ciò che dipende da noi.

Chi non riesce a rinnovarsi, ad adattarsi a condizioni ambientali diverse, muore. è legge di natura.
Nel nostro paese si pensa ancora come trent'anni fa.

Pensiamoci bene, non abbiamo cambiato quasi nulla da allora e il modo di gestire il paese è la stesso.

Nel frattempo il nostro paese , negli ultimi decenni ,è cresciuto meno socialmente e culturalmente rispetto ai paesi limitrofi.

Noi Leccesi non vogliamo cambiare, non vogliamo capire che il mondo è cambiato.

Lo capiremo quand'è troppo tardi.




VISITA IL NOSTRO SITO LECCESHOCK SUL FORUM

CLICCA QUI’

www.lecceneimarsi.org/2011